Abbiamo avuto sollecitazioni dalla periferia riguardo alle schede di valutazione che dovranno essere formulate dalle Direzioni Regionali entro il prossimo 11 ottobre.
In particolare, i colleghi segnalano che non hanno ancora avuto riposta alle richieste di riesame in autotutela delle valutazioni relative alle schede dell'anno 2014, nelle quali non risultavano esplicitati in maniera chiara i parametri utilizzati per la valutazione della qualità della prestazione medica.


Sembrerebbe infatti che, per quanto riguarda il punto A.2.3. della scheda "la flessibilità nella gestione del proprio orario di lavoro in modo da garantire una presenza coerente con le esigenze delle attività medico legali", i punteggi maggiori siano stati attribuiti a colleghi che hanno effettuato prestazioni straordinarie.
Qualora questo criterio fosse confermato, si verrebbe ad avere una doppia retribuzione (straordinario e punteggio maggiore nella scheda con conseguente maggior retribuzione di risultato) per la stessa prestazione lavorativa e tale condizione non può essere condivisibile secondo i dettami contrattuali, in quanto le prestazioni fuori orario di servizio si devono considerare soltanto quale momento eccezionale di lavoro; peraltro, potrebbe configurare materia di competenza della Magistratura Contabile.
Infatti, essendo lo straordinario proponibile solo in maniera "non ordinaria" e per particolari necessità, in molte Sedi non vengono messe a disposizione ore a straordinario per i medici.
Considerato che le schede valutano la qualità della prestazione ordinaria, riteniamo che i parametri da utilizzare siano altri e, soprattutto, evidenziamo che la nostra figura professionale, nostro malgrado, non può essere assimilata, per l'orario di lavoro, a quella dei dirigenti o degli altri professionisti in quanto, certo non per nostra scelta, l'Amministrazione in passato ha voluto legare la nostra professionalità a una rilevazione dell'orario di lavoro dei medici mediante doppia
timbratura e, quindi, la valutazione di una maggior presenza in servizio non può essere un parametro di qualità visto che, quantitativamente, le ore di straordinario hanno un'altra e ben definita retribuzione.
Pertanto, chiediamo cortesemente al Direttore Generale di far procedere con sollecitudine all'analisi delle richieste in autotutela inviate dai colleghi per esplicitare i criteri utilizzati per la formulazione delle schede di valutazione anno 2014 e, qualora esistessero i legittimi requisiti, di far rettificare le eventuali anomalie, ciò anche al fine di consentire una corretta compilazione delle schede per l'anno 2015.

Roma 7 ottobre 2016

Il Consiglio Direttivo

Polizza responsabilità civile

L'Associazione propone una polizza responsabilità civile a tutti i suoi associati.

Scopri i dettagli >

ANMI - FEMEPA

L'Associazione, aperta a tutti i medici INPS in servizio o in quiescenza ed ai medici esterni in convenzione, ha lo scopo di tutelare gli interessi morali, economici e giuridici dei propri iscritti, di assisterli in controversie sindacali e di promuovere iniziative di carattere culturale, medico legale, assicurativo e previdenziale, approfondendo le leggi, la deontologia medica e la normativa interna dell'Istituto.

Convegni

Roma, 24 maggio 2016 - ore 11.30 L'ANMI-FeMEPA con le Associazioni confederate in CODIRP al FORUM PA locandina
Visualizza tutti iConvegni  

Area associati

In relazione al Disegno di Legge unificato n° 2224 in esame in tema di Disposizioni in materia di responsabilità professionale del personale sanitario...
Polizza Responsabilità Civile
Venerdì, 05 Febbraio 2016
Polizza Responsabilità Civile con la Compagnia Reale Mutua in formula collettiva; possono aderire tutti gli Associati ANMI- FeMEPA: Medici INPS (dipendenti, a contratto e personale in quiescenza)....
"Indagine conoscitiva sull'organizzazione dell'attività dei medici che svolgono gli accertamenti sanitari per verificare lo stato di salute del dipendente assente per malattia"
Sentenza Tar su verifiche straordinarie
Martedì, 13 Maggio 2014