Nei giorni scorsi, in
riferimento alla Determina Presidenziale n. 33 del 5/4/2018 (pubblicata sul
sito intranet dell'Istituto il 7 maggio 2018) relativa ai Criteri per
l'attribuzione degli incarichi dell'Area Medica, abbiamo consultato il nostro
Studio Legale al fine di valutare eventuali profili di illegittimità.

La Determina è
criticabile sotto diversi punti di vista.

In via preliminare, si
evidenzia che una materia, oggetto di trattativa sindacale, è stata proposta
alle OO.SS. tramite una semplice informativa sindacale.

Inoltre, l'interpello per
la conferma degli incarichi di Unità Operativa Complessa ai medici di II
livello pecca di assoluta genericità nei criteri di valutazione rispetto a una
più adeguata "verifica per obiettivi"; inoltre attribuisce un eccessivo potere
discrezionale all'Amministrazione, che non appare in linea con l'indipendenza
funzionale e l'autonoma responsabilità riconosciute all'Area Medica dopo le
note sentenze del Consiglio di Stato del 2016.

Infine, considerato che
la normativa vigente prevede che i posti di Responsabile UOC siano assegnati a
medici di II livello i nostri Avvocati hanno rilevato come ci siano gli estremi
per istruire un ricorso giudiziario per concreta lesione di interessi legittimi
soprattutto laddove la Determina prevede che i posti di Responsabile UOC che
resteranno vacanti dopo l'interpello per i medici di II livello, possano essere
assegnati a medici di I livello; tutto ciò invece di procedere allo scorrimento
della graduatoria vigente o, in alternativa, indire un nuovo concorso che
consentirebbe ai vincitori il passaggio dalla I alla II fascia funzionale.

Si determina così un evidente danno per coloro
che risultano inseriti, come idonei, nella graduatoria, tuttora in corso di
validità, dell'ultimo concorso per Dirigente Medico di II livello.

Invitiamo, pertanto, i
colleghi interessati a comunicare via mail in Segreteria entro il prossimo 11 giugno la loro disponibilità a partecipare al
ricorso, in quanto bisogna procedere in tempi rapidi.

Roma, 7 giugno 2018

Il Consiglio Direttivo

Area associati

Polizza Responsabilità Civile con la Compagnia Reale Mutua in formula collettiva; possono aderire tutti gli Associati ANMI- FEMEPA: Medici INPS (dipendenti, convenzionati e personale in quiescenza). Condizioni...
In relazione al Disegno di Legge unificato n° 2224 in esame in tema di Disposizioni in materia di responsabilità professionale del personale sanitario...
"Indagine conoscitiva sull'organizzazione dell'attività dei medici che svolgono gli accertamenti sanitari per verificare lo stato di salute del dipendente assente per malattia"

Convegni

Roma, 24 maggio 2016 - ore 11.30 L'ANMI-FeMEPA con le Associazioni confederate in CODIRP al FORUM PA locandina
Visualizza tutti iConvegni  

Polizza responsabilità civile

Rinnovata la Polizza Rc Professionale in scadenza il prossimo 28/2/2021.

Possono aderire alla nuova polizza collettiva i Medici dipendenti, Convenzionati e in Quiescenza

associati ANMI-FEMEPA

per maggiori informazioni rivolgersi alla Segreteria Nazionale

all'indirizzo mail [email protected] 

L'attività dell'ASSOCIAZIONE prosegue anche in questo periodo.

Scopri i dettagli >