Ieri, l’Amministrazione ha incontrato le OOSS in conference call con il seguente ordine del giorno: Misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro nella cosiddetta “Fase 2”.

L’INPS non ha presentato un documento e, sostanzialmente, l’incontro è stato finalizzato a verificare la disponibilità delle OOSS a condividere un percorso relativo alla Fase 2 dell’attuale emergenza sanitaria.

La Direzione Generale ci ha informato che sta predisponendo misure di prevenzione per contrastare il rischio epidemico negli ambienti di lavoro.

L’orientamento è quello di procedere con prudenza e cautela, anche in considerazione della possibilità di riaccensione di focolai sul territorio nazionale e, comunque, è stata rilevata da tutti i partecipanti la necessità di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori, in particolare di chi dovrà accedere alle sedi.

Da parte nostra, abbiamo evidenziato come la ripresa della fase operativa e la riapertura dei CML deve prioritariamente prevedere una rapida analisi delle condizioni logistiche nelle sedi e la riprogrammazione propedeutica degli spazi utili e di quanto altro necessario, per dare nuovo inizio alle attività medico-legali e all’accesso controllato dei cittadini da sottoporre a visita.

Considerata la specificità dell’attività medica in cui la visita, salvo le dovute eccezioni, risulta fondamentale per gli accertamenti medico-legali abbiamo richiesto che tutti gli operatori dei CML siano dotati dei DPI previsti per la specifica attività sanitaria che, secondo i protocolli, è un’attività ad ALTO rischio.

Pertanto, riteniamo indispensabile che venga predisposto un preciso “piano per la ripartenza dei servizi medico-legali” da sottoporre alla nostra attenzione, che deve prevedere l’adozione di tutte le misure necessarie: distanziamento interpersonale e percorsi differenziati per l'utenza, termoscanner, accessi contingentati nelle sale di attesa, triage a distanza preventivo degli utenti, disponibilità dei Dispositivi di Protezione Individuale (guanti, mascherine, camici monouso, visiera, etc.), pulizia e sanificazione giornaliera dei locali dei CML.

Inoltre, abbiamo chiesto di individuare regole chiare anche per le attività medico-legali svolte al di fuori dei CML (visite c/o ASL, visite c/o Commissioni Marittime, accessi c/o strutture residenziali gestite dall’Istituto, partecipazione alle operazioni peritali, visite domiciliari, etc).

Al riguardo, riteniamo necessario l’individuazione di protocolli che indichino i requisiti di sicurezza, che dovranno essere garantiti, senza i quali le attività esterne non potranno essere effettuate.

Restiamo, quindi, in attesa di conoscere quali misure l’Amministrazione voglia predisporre, disponibili a un confronto costruttivo su una materia, quella della sicurezza sul lavoro che, nell’attuale condizione di pandemia, non ammette deroghe o compromessi.

Auspichiamo, infine, che l’Amministrazione si faccia parte concretamente attiva per giungere a una rapida autorizzazione del concorso per medici di I livello, che potrebbe avere un iter dinamico visto l’indirizzo del Ministro della Funzione Pubblica in relazione alla semplificazione delle procedure concorsuali per il reclutamento del personale nella Pubblica Amministrazione.

Inoltre, a margine della riunione, abbiamo sollecitato le procedure per l’indizione del concorso per Dirigenti Medici di II livello e la Dott.ssa Sampietro ci ha assicurato tempi rapidi, in quanto la Delibera è all’Ordine del Giorno di una delle prossime riunioni del CdA.

Aspettiamo, ora, un concreto segnale di avvio della procedura concorsuale per i medici e chiediamo che si dia presto seguito anche alla copertura dei posti UOS vacanti o di prossima reintroduzione.

Roma, 15/05/2020

                    Il Segretario Nazionale                                       Il Presidente

                          Giuseppe Fatigante                                     Giuseppina D’Intino

Area associati

Polizza Responsabilità Civile
Martedì, 18 Febbraio 2020
In relazione al Disegno di Legge unificato n° 2224 in esame in tema di Disposizioni in materia di responsabilità professionale del personale sanitario...
"Indagine conoscitiva sull'organizzazione dell'attività dei medici che svolgono gli accertamenti sanitari per verificare lo stato di salute del dipendente assente per malattia"
Sentenza Tar su verifiche straordinarie
Martedì, 13 Maggio 2014

Convegni

Roma, 24 maggio 2016 - ore 11.30 L'ANMI-FeMEPA con le Associazioni confederate in CODIRP al FORUM PA locandina
Visualizza tutti iConvegni