Riceviamo segnalazioni dalla periferia in merito al fatto che alcune Direzioni interferiscono con l’organizzazione delle attività dei CML, con particolare riferimento all’individuazione di tempi e modalità di svolgimento delle attività in presenza.
Tutto ciò contrasta, palesemente, con quanto previsto dalla Determina Presidenziale n. 125 del 26 luglio 2017 e dal messaggio n.3817 del 04/10/2017.


In particolare, la Determina ha garantito la doverosa autonomia tecnico-professionale ai professionisti dell’Istituto con la modifica degli articoli 16, 17, 19 e 27 del Regolamento di organizzazione e, conseguentemente, con la modifica delle declaratorie dell’Ordinamento delle funzioni relative alle Direzioni regionali e Direzioni di coordinamento metropolitano, Direzioni provinciali e Filiali metropolitane, Aree professionali.
L’autonomia professionale dei medici, e di tutti i professionisti che operano in INPS, è stata recentemente riaffermata con i messaggi n.1142 del 13/03/2020 e n. 2351 del 06/06/2020 nei quali, rispettivamente, si legge “In relazione alle particolari esigenze organizzative, i direttori centrali, regionali e di coordinamento metropolitano potranno individuare eventuali ulteriori attività indifferibili da rendere in presenza e adotteranno i conseguenti atti organizzativi. Le attività indifferibili da rendere in presenza saranno garantite dal personale individuato a rotazione, che sarà l’unico autorizzato ad accedere alle sedi fino alla data del 25 marzo. Analogamente, i Coordinatori dei rami professionali dovranno organizzare lo svolgimento del lavoro agile e le presenze necessarie in modo tale da assicurare le attività e il compimento degli atti indifferibili” e “Con riferimento alle attività indifferibili sopra declinate – fatte salve quelle impreviste o imprevedibili – sarà cura di ciascun Direttore valutare la priorità delle lavorazioni in termini di urgenza e disporre i conseguenti atti organizzativi per le proprie strutture. Analogamente provvederanno i Coordinatori dei rami professionali per gli uffici di loro competenza”.
Dalle segnalazioni pervenute a questa Segreteria, risulta come non tutte le Direzioni territoriali si attengano a quanto previsto dalle disposizioni vigenti limitando l’autonomia professionale dei Coordinatori medico-Legali.
Riteniamo invece che il rispetto dei ruoli e delle competenze, così come definite negli atti istituzionali sopra richiamati, siano fondamentali per il buon andamento lavorativo e produttivo in particolare in questo periodo.
Chiediamo quindi che i Vertici dell’Istituto intervengano nella maniera più opportuna sulle Direzioni Regionali per ribadire che, in questa delicata fase di ripresa dell’attività istituzionale medico-legale “in presenza”, è compito e responsabilità dei Coordinatori medici l’autonoma organizzazione del lavoro nelle UOC/UOS territoriali.

Roma, 08/09/2020

 

Il Direttivo
ANMI-FEMEPA

 

Area associati

Polizza Responsabilità Civile
Martedì, 18 Febbraio 2020
In relazione al Disegno di Legge unificato n° 2224 in esame in tema di Disposizioni in materia di responsabilità professionale del personale sanitario...
"Indagine conoscitiva sull'organizzazione dell'attività dei medici che svolgono gli accertamenti sanitari per verificare lo stato di salute del dipendente assente per malattia"
Sentenza Tar su verifiche straordinarie
Martedì, 13 Maggio 2014

Convegni

Roma, 24 maggio 2016 - ore 11.30 L'ANMI-FeMEPA con le Associazioni confederate in CODIRP al FORUM PA locandina
Visualizza tutti iConvegni